Archivio mensile:maggio 2003

Il fine giustifica i mezzi

Ok, ok, lo ammettiamo , le armi di distruzione di massa non c’erano. Non ci sono mai state, le hanno distrutte ben prima dell’inizio della guerra e noi lo sapevamo benissimo, ma a noi serviva un motivo, qualcosa da dare in pasto ai media, qualche cazzata da mettere in bocca al Capo quando parla in televisione. Beh? Che c’e’ di male? Nessuno di voi ha mai letto Machiavelli? Anzi, queste erano solo le prove generali, se fate i bravi vi facciamo vedere che a volte non c’e’ neanche bisognio di un pretesto, vero o falso che sia.

Fumus vs. Fumus Persecutionis

(Presa paro paro da gnueconomy.net)

– Com’e’ che chi fuma due canne è un criminale e chi corrompe un giudice è un perseguitato?

– Beh, è la differenza tra “Fumus” e “Fumus persecutionis”…

188 e Gerovital

Sono passato in un “Punto 187” per chiedre gentilmente alla signorina dove cazzo fosse finito il mio contratto e la signorina mi ha confermato che il mio contratto non esiste: chi fa l’abbonamento online non riceve nulla dalla Telecom. Ho, quindi, faxato l’unico documento in mio possesso (il pagamento dell’allacciamento) a Noicom e sono in dolce attesa della di-nuovo-mia ADSL. Mi son messo a frugare nelle scatole del trasloco il modem e qui entra in gioco il Gerovital: dove cazzo l’ho messo il modem? Eh? Qualcuno mi puo’ aiutare? Per favore….

187

E’ da aprile che ho un nuovo contratto telefonico che ho stipulato tramite la form online di www.187.it e che mi ha permesso di avere la linea telefonica in tempi relativamente brevi. Fin qui tutto bene. Ora pero’ mi piacerebbe anche spostare la linea ADSL, contratto con Noicom, su questo numero di telefono, cosa, questa, facilmente fattibile faxando la richiesta di trasferimento e il contratto Telecom alla suddetta ditta. Se Voi foste dei cazzoni pensereste subito “Niente di piu’ facile”, ma Voi non siete dei cazzoni e avrete gia’ capito dov’e’ la gabola: del mio contratto con Telecom non c’e’ traccia da nessuna parte. Le notizie che arrivano dal 187 sono ogni volta diverse e le informazioni contraddittorie, ah! Come vorrei che al telefono mi rispondesse, almeno una volta il ministro dell’informazione irachena: spara cazzate, ma almeno sono consistenti.

“Stia tranquillo che il contratto le arriverà entro un mese”

“Il contratto le arriveà assieme al bollettino per il pagamento dell’allacciamento”

“Attenda in linea.”

“Non trovo il suo nominativo tra i contratti da inviare, lei è sicuro di esistere?”

“Se lei ha fatto il contratto online non le arriverà a casa nessun contratto”

La tizia di quest’ultima puttanata era anche la stessa che mi ha ripetuto imperturbabile (mentre io per mia natura stavo gia’ per strapparle la gola via cornetta) che è inutile affannarsi tanto per questa faccenda del trasferimento della linea ADSL di quell’altra azienda quando, in superofferta solo per me: Andrea Carpani, Alice Stocazzo costa solo 30 e passa euro al mese.

Where is Raed ? – Resident Evil

Oggi entry multipla, per la vostra gioia.

Salam Pax ha ripreso a postare, o meglio a inviare le entry del suo blog a qualcuno che puo’ postare. Se non altro è vivo. Il “blog a posteriori” che compare sul suo sito è interessante soprattutto nella lettura critica di parecchi comportamenti della stampa su tutti i fronti. Non mi pare di aver notato una simile posizione da parte di molta gente dalla “nostra” parte del teleschermo.

Il titolo della seconda parte è “George Romero se sei vivo batti un colpo”. Ho visto il film Resident Evil: fare un videogioco a partire da un tema ritrito e ripreso in 1000 film ha senso solo se il gioco è fatto bene e Resident Evil – Il gioco è fatto bene. Fare un film a partire da un videogioco che è nato da un tema ritrito e ripreso in 1000 film è comunque una cazzata. Durante lo svolgimento del film c’è una (non due, o tre: una) scena originale, quella con il laser che taglia a fettine il supergruppo di elite che, inviato per fermare il cervellone centrale, non sanno neanche come funziona veramente. A parte questo episodio il resto è copiato per metà da “Zombi” (Romero 1978) e l’altra metà da Demoni (Argento 1985). Delle tette di Milla neanche l’ombra. Che cazzo di film.